Progetti Classi Terze Copy

LINK DI FILMATI DI LAVORI DEI BAMBINI:

I Graffiti della Terza A

Le Pitture Rupestri della Terza B

 

EMOZIONI IN CLASSE
emozioni

Le docenti delle classi terze intendono promuovere azioni educative e laboratori che favoriscano negli alunni la collaborazione, l’autocontrollo, l’empatia, la stima di sé nella relazione con il gruppo e con l’ambiente circostante.

Il Progetto “Emozioni in classe” intende coniugare lo sviluppo del singolo con la comunità, come via per una cittadinanza attiva e consapevole.

Si cercherà di condurre i bambini a controllare ed esprimere in modo adeguato stati d’animo, sentimenti ed atteggiamenti, stimolando il riconoscimento delle emozioni proprie e dell’altro, nell’ottica della valorizzazione della diversità e della solidarietà.

 

FINALITÀ

La ricerca-azione dell’attività progettuale perseguirà i seguenti obiettivi:

Incremento dei comportamenti di:

– assertività

– collaborazione

– empatia

– competenza scolastica

– miglioramento del clima sociale della classe;

Decremento dei comportamenti di:

– aggressività

– passività

– competitività negativa.

 

MODALITÀ DI LAVORO

Esperienza-Stimolo: Lettura di un racconto;

Attività di Decodifica: Drammatizzazione, Circle-time, Rielaborazione;

Attività di Azione Diretta: Test, Tabulazione dei risultati, Brainstorming, Mappa dei Sentimenti, Giochi Correlati;

Attività di Generalizzazione: Rinforzo di comportamenti positivi di autocontrollo e di rispetto di regole condivise nell’ambito dell’iniziativa intrapresa.

 

L’EMOZIONE NELL’ARTE
sogno

PROGETTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Nell’ambito del progetto di Religione delle Classi Terze intitolato “L’Emozione nell’Arte“, i bambini, dopo aver osservato e analizzato alcune espressioni artistiche primitive come i graffiti e le pitture rupestri, provano a riprodurli attraverso una semplice tecnica di ricostruzione (come si può vedere cliccando i link posti in alto). Questo lavoro è a compimento del primo percorso relativo alla ricerca e comprensione delle emozioni e degli stati d’animo evocati dalle domande di senso che gli uomini primitivi iniziavano a porsi sull’origine del mondo e della vita.

 

ATTIVITÀ

– Comprendere l’importanza delle domande sull’origine del mondo.

– Riconosce nei miti dei popoli antichi tentativi di risposta sull’origine della vita e dell’universo.

– Comprende attraverso i racconti biblici delle origini che il mondo è opera di Dio affidato alla responsabilità dell’uomo.

– Coglie il significato della creazione individuando nell’uomo il centro e il vertice del creato.

– Osserva e riproduce alcune espressioni artistiche dell’uomo primitivo, dal paleolitico nella sua evoluzione fino ad oggi e ne analizza il percorso di ricerca fatto dal punto espressivo-emotivo-spirituale.